Aprire un ristorante: quali sono i passaggi fondamentali

Sono tante le persone che vogliono sapere come aprire un ristorante, una delle attività più floride da aprire in questo momento. Ci sono alcuni step che sono necessari e che permetteranno di avere degli ottimi guadagni se messi in atto bene.

Il primo passaggio: l’idea

Ebbene sì, questo è lo step cruciale prima di sapere come aprire un ristorante nel concreto (seguendo i consigli di Ristobusiness). Infatti è bene precisare che la cucina non basta sia una passione per poter pensare di aprire un ristorante. Infatti bisogna precisare che il ristorante richiede un grosso impegno, soprattutto nelle fasi iniziali dell’attività. Inoltre l’idea che possa spingere all’apertura di un ristorante deve guardare al presente, ma anche e soprattutto al futuro. Questo vuol dire provare a sondare anche tra i conoscenti ciò che magari possa avere un buon successo sia a livello di location che di piatti. La progettazione è una fase cruciale che serve per fare in modo che il risultato finale possa essere quanto più vicino a quello che si ha nella mente. Dare anche un’occhiata al mercato e a quello che viene proposto nei ristoranti di livello internazionale è un buon passaggio per iniziare. Infatti si può avere la giusta spinta per intraprendere un progetto nuovo e soprattutto una visione di ristorante che sia capace di assecondare i gusti dei potenziali clienti. Ecco perché chi vuole sapere come aprire un ristorante non può che partire da un’idea che sia ben chiara.

Il piano di fattibilità

Ovviamente, una volta partorita l’idea, bisogna dar seguito ad essa. Il che vuol dire tradurre nei fatti ciò che si ha nella testa. E si arriva così a quello che si chiama piano di fattibilità, ovvero capire quanto bisogna investire in un ristorante di nuova apertura. Si parte dunque dall’analisi dei numeri, ma anche del territorio. Quest’ultima cosa vuol dire geomarketing, quindi capire le zone dove si possa scegliere la giusta location senza essere troppo vicino ad altri concorrenti. Ecco perché è sempre bene chiedersi cosa possa essere utile in quel territorio per avere un ristorante di successo, non solo in termini di estetica del locale, ma anche per quanto concerne le materie prime.
Bisogna poi analizzare con attenzione quali sono i concorrenti e dove essi siano dislocati. Oltre ovviamente a cosa propongano, in maniera tale da offrire qualcosa di differente. Arrivando poi alla parte della programmazione delle spese, facendo una previsione orientativa riguardo i costi di gestione di struttura, ma anche del personale, oltre al tipo di materie prime che si vuole offrire alla clientela.

Altri step fondamentali per aprire un ristorante

Per arrivare all’apertura di un’attività di ristorazione serve comunque adempiere ad una serie di pratiche burocratiche che variano di comune in comune. La cosa importante è scegliere un locale che abbia spazi a sufficienza sia per la sala che per la cucina, in maniera tale da accogliere un giusto numero di persone e garantire la fruibilità delle stesse. Inoltre è bene precisare che chi vuole sapere come aprire un ristorante farebbe buona cosa ad iniziare ad informarsi per quanto concerne i fornitori. Questi sono gli alleati di una buona attività di ristorazione che permetteranno così di avere a disposizione materie prime di qualità. Oltre a dover comunque pensare ad un allestimento che possa essere in linea con ciò che si vuole creare come ristorante. Tutti questi sono passaggi obbligati su come aprire un ristorante che è bene conoscere.

Giulia Rossi

Torna in alto