Controtelaio porta blindata: guida su come montarlo

Una porta blindata è un particolare tipo di porta caratterizzata dall’essere costruita con materiali in grado di resistere a diversi tipi di effrazione: a seconda della classe della porta, infatti, questa potrà assicurare una minore o maggiore sicurezza all’appartamento in cui è montata.

Un elemento molto importante è il controtelaio della porta blindata. In questo articolo, scritto con l’aiuto delle informazioni fornite dal fabbro a Firenze che trovi a questo link, vedremo come montare il controtelaio della porta blindata.

La struttura di una porta blindata: il controtelaio

Quando si parla di porta blindata solitamente si intendono tutte e quattro le parti che la costituiscono, ossia il controtelaio della porta, il telaio, la scocca e i rivestimenti. In questa breve guida ci soffermeremo solo sul controtelaio, evidenziandone le caratteristiche e le modalità di installazione.

Per prima cosa va sottolineato che, a seconda del tipo di porta o portoncino, questa struttura ha dimensioni differenti e, in alcuni casi, può essere realizzato su misura. Si pensi ad esempio a porte o portoni antichi che presentano dimensioni differenti da quelli che sono gli standard moderni. Inoltre, bisogna evidenziare che se si acquista una porta blindata, alcune case di produzione inviano il controtelaio già montato e solo da installare mentre altre prevedono anche il montaggio delle strutture che lo compongono.

Per quanto riguarda le caratteristiche generali del controtelaio, questo, detto anche telaio morto o falso telaio, è realizzato a partire da un presso piegato e realizzato in acciaio zincato. A seconda del tipo di porta e del modello può presentare uno spessore variabile, solitamente contenuto tra il millimetro e mezzo e i due millimetri. Si tratta di una struttura che presenta inoltre i cosiddetti cavallotti, ossia le zone di avvitamento dei perni che permettono il bloccaggio del telaio.

Un falso telaio va fissato in maniera differente a seconda del tipo, ossia del modello di porta. Può infatti prevedere il fissaggio tramite delle zanche che vengono poi cementate nel muro assicurando un’elevata stabilità e solidità alla porta che ne deriva. Un’altra opzione è che il contro telaio viene montato facendo uso di un ancoraggio chimico oppure di tasselli ad espansione. La soluzione più adatta non dipende solo dal tipo di porta, ossia di controtelaio, ma anche dalla parete in cui avviene il fissaggio.

Infatti, la solidità della porta dipende esclusivamente da una corretta installazione del controtelaio: un errore nel suo montaggio si può invece tradurre in cedimenti nel tempo, nonché di deformazioni, guasti e, soprattutto, una cattiva protezione dell’appartamento.

Come montare un controtelaio

Passiamo ora alla parte pratica. Nella maggior parte dei casi, va sottolineato che questo tipo di operazione andrebbe effettuata da tecnici esperti, in grado di scegliere con cura la procedura più adatta al montaggio e, soprattutto, di assicurare una perfetta stabilità alla struttura. Chi vuole provare a installare da solo la propria porta blindata deve però ricordare che la migliore procedura è quella che prevede la muratura del controtelaio. Come detto, tuttavia, in alcuni casi questa operazione non è possibile e si deve procedere ad altro tipo di fissaggio.

Se si opta per la muratura, nel momento in cui si procede all’installazione è necessario procedere con l’apertura delle zanche: si tratta di un’operazione che può essere pericolosa e che, per questo motivo, non andrebbe mai effettuata a mani nude ma sempre facendo uso di guanti: il rischio di tagliarsi, infatti, è elevato. Va poi ricordato che nel caso di altro tipo di fissaggio del controtelaio le zanche non vanno aperte.

La maggior parte dei costruttori oggi realizza i controtelai in modo che siano già pronti anche per altre modalità di fissaggio, ossia effettuando dei fori per eventuali tasselli ad espansione. Una volta che la controtelaiatura è pronta, si potrà procedere con gli step successivi, che portano al montaggio della porta intera.

Bisogna sempre ricordare che per sapere quale sia il metodo migliore per il fissaggio del falso telaio si può richiedere una consulenza al venditore, oppure rivolgersi a un tecnico specializzato che, analizzando il tipo di parete e il modello di porta, suggerirà la modalità più adatta a garantire un’installazione che sia allo stesso tempo perfetta, solida e sicura.

administrator

Torna in alto