Mobilità e sostenibilità: come cambia il futuro delle nostre auto

Questo decennio può rappresentare il trionfo della new mobility, una nuova idea di mobilità, costruita intorno a una singola parola chiave: sostenibilità. Possiamo parlare di decarbonizzazione, di motore elettrico, di emissioni, ma alla fine ogni cosa viene ricondotta sotto l’ombrello di mobilità sostenibile. La sostenibilità è la porta d’accesso verso un futuro diverso, ed è il pilastro verso cui dovrà muoversi lo sviluppo tecnologico dei prossimi anni.

Perché è così importante che la mobilità abbracci un approccio sostenibile? Nei prossimi paragrafi cercheremo di capire meglio perché case produttrici e singoli individui possono agire al meglio, e insieme, per cambiare il futuro del nostro pianeta.

Verso le emissioni zero

La presenza delle nostre auto è, nella realtà dei fatti, una componente inquinante. I nostri veicoli con motore a combustibile emettono emissioni attraverso i gas di scarico, emissioni che colpiscono l’ambiente in vari modi.

L’effetto possiamo notarlo nelle grandi metropoli, dove la presenza del traffico porta a un’aria tutt’altro che pulita, dove lo smog è il grande nemico da affrontare. Le giornate di traffico limitato e le ZTL sono la dimostrazione di come si sia presa consapevolezza del problema, ma è davvero necessario fare di più.

La new mobility si propone come la nuova frontiera delle emissioni, con la volontà di portare a una drastica diminuzione delle stesse. Tutto ciò è possibile sia con le auto ibride, sia con le auto elettriche.

Le auto ibride, utilizzando un motore benzina e un motore elettrico, risultano meno inquinanti delle comuni auto, ma sono le auto elettriche a compiere un passo davvero notevole verso le emissioni zero. Le auto elettriche non emettono alcun gas di scarico, poiché non utilizzano alcuna forma di carburante. Un traffico di sole auto elettriche avrebbe un effetto incredibile nelle nostre città, limitando in maniera davvero forte la presenza di smog e regalandoci un’aria migliore.

Abbracciare la new mobility significa fare la propria parte nel raggiungimento di un obiettivo così ambizioso.

Decarbonizzazione

Come può essere raggiunto l’obiettivo della decarbonizzazione? Diminuire o azzerare la produzione di anidride carbonica dipende dalle due facce della stessa medaglia: da un lato i produttori, dall’altro gli utenti finali.

Ai produttori spetta il compito di produrre auto performanti, dall’ampia autonomia, che sappiano risultare davvero accattivanti per il pubblico. Lo sviluppo tecnologico degli ultimi anni ha agito proprio in tal senso, portando sul mercato auto elettriche con una autonomia di volta in volta maggiore. Oggi alcuni modelli riescono a superare i 500 km di autonomia dichiarata, un risultato davvero notevole.

Al tempo stesso è necessario che nelle nostre città siano presenti delle colonnine di ricarica, per permettere a chiunque di ricaricare la propria auto elettrica, anche se lontano da casa. Si tratta di uno dei freni più forti per chi vorrebbe passare a una mobilità sostenibile, ma teme di trovarsi in situazioni poco comode.

Agli utenti finali, a coloro che acquistano le auto, spetta invece l’impegno nel cambiare le proprie abitudini, e nel fare la propria parte nel raggiungimento della new mobility. Il cambiamento può per certi versi spaventare, ma è l’unico modo che abbiamo per iniziare a preservare l’ambiente, per un futuro che dovrà essere davvero sostenibile.

Acquistare un’auto elettrica oggi non significa più essere dei pionieri allo sbaraglio, ma significa acquistare auto dotate di una grande tecnologia, performanti, dai ridotti consumi e dalle ottime capacità.

administrator

Torna in alto