Home » “Non sono eroi”, Napoli si divide sui murales dei baby-boss

“Non sono eroi”, Napoli si divide sui murales dei baby-boss

Sul tavolo del procuratore Gianni Melillo, la lista di lameno 40 manufatti, tra mega- ritratti, lapidi, targhe, slogan e poesie fatti di vernice rossa o nera, altari e altarini edificati da clan o dedicati a personaggi sospetti

Torna in alto