Home » Realizzazione impianto idraulico: alcuni consigli

Realizzazione impianto idraulico: alcuni consigli

La corretta realizzazione di un impianto idraulico è fondamentale per garantire alla tua casa dei serivi idrici ben fruibili e che aumentino il comfort abitativo. Di conseguenza, conoscere alcune buone pratiche può farti evitare scelte azzardate o pressapochismi in fase di progettazione e messa in piedi dell’impianto idraulico.

Con l’aiuto di idraulico-roma.me, socità leader nel settore idraulico a Roma, siamo riusciti a scrivere alcuni consigli da seguire quando si realizza un impianto idraulico.

Come è fatto un impianto idraulico

L’impianto idraulico di casa inizia con l’installazione di un contatore che, almeno nei condomini, è raggruppato insieme a quello degli altri appartamenti in appositi vani che danno sulla strada o su un’area comune che solitamente è nell’andito del piano terra, in modo da consentire un più agevole monitoraggio.

Dentro casa l’impianto è composto da vari elementi:

  • un tubo di adduzione dell’acqua collegato al contatore,
  • una chiave di arresto che serve proprio per chiuderlo in caso di potenziali guasti;
  • dal rubinetto, l’impianto si suddivide poi in due tubi, il primo dei quali va verso la caldaia e l’altro in direzione dei terminali
  • dalla caldaia partono altri due tubi, il primo è relativo al riscaldamento e il secondo porta l’acqua calda ai terminali.

Da questo momento l’impianto può essere di due tipi, a collettore o a derivazione.

Il primo è più diffuso ed è composto da un elemento che smista l’acqua calda dalla fredda e in base al terminale, ad esempio la vasca da bagno, riceve acqua calda e fredda.

L’impianto a derivazione è meno diffuso e in esso sussistono due tubi, per acqua calda e fredda, che corrono sotto massetto in tutta la casa: formano un circuito che fa delle derivazioni man mano che incontra i sanitari ai quali fornisce l’acqua.

L’impianto idraulico è composto da rubinetti e sanitari e infine, dalla rete di scarico.

Come rifare l’impianto idraulico

Rifare un impianto idraulico, come potrai comprendere, non è solamente un’operazione che richiede di cambiare tubi e sanitari, ma ulteriori interventi profondi che necessitano oltretutto di lavori su opere murarie ed edilizie.

Rifare l’impianto dell’acqua rimuovendo quello esistente

Prima di tutto, è fondamentale rimuovere completamente il vecchio impianto in modo da non ritrovarti ad avere a che fare con parti vecchie e mal funzionanti. Troppi tubi potrebbero indebolire le murature e dare problemi se dovessero essere necessari interventi di manutenzione o installazione.

Devi procedere poi rimuovendo rivestimenti e pavimenti collocati in bagni e cucine; aprendo delle tracce lungo i muri per eliminare le tubazioni; rimuovendo massetti da terra dove hai già rimosso i pavimenti, in modo da eliminare le tubazioni presenti.

Realizzare l’impianto idraulico

Una volta che avrai rimosso l’impianto idralulico precedente, adesso potrai procedere con il realizzare quello nuovo. Procedi installando tubature e componenti del sistema di distribuzione per l’adduzione dell’acqua; predisponendo gli allacci per tutti gli apparecchi; creando una nuova messa in pressione per accertarti che non ci siano perdite e infine, installando tubi e componenti per il sistema di smaltimento acque.

Devi chiudere le tracce murarie e realizzare i massetti a pavimento, posare i rivestimenti su pavimenti e muri, installare i sanitari e completare con le relative pitture. Prima di iniziare qualsiasi lavoro, devi sapere quale marca e modelli di sanitari installare in bagno, in modo da posizionare i punti di consegna e scarico dell’acqua nel modo corretto.

Stai molto attento anche a valutare la pressione con la quale l’acqua è introdotta nel tuo impianto e la concentrazione di calcare. Una pressione troppo forte richiede il montaggio di un riduttore della stessa e un’alta percentuale di calcare richiede un addolcitore: quest’ultimo è un elemento ingombrante e abbastanza costoso, ma davvero utile per prolungare la vita del tuo impianto idraulico e per agevolare la pulizia dei sanitari.

Tieni sempre conto del ruolo fondamentale che riveste l’impianto di scarico, il quale funziona per gravità, pertanto necessita che i tubi siano montanti inclinati onde evitare ogni possibile stagnazione dei liquidi. Gli idraulici questo lo sanno bene ma, se sei tu a occupartene, rischi di non strutturare la pendenza necessaria per un buon funzionamento dell’impianto idraulico. Oggi, inoltre, si usa montare dei pozzetti di ispezione proprio per agevolare eventuali manutenzioni.

administrator

Torna in alto