Home » Ristrutturazione aziendale: come strutturare un piano strategico vincente

Ristrutturazione aziendale: come strutturare un piano strategico vincente

La ristrutturazione aziendale (approfondisci https://strategiaebusiness.com/ristrutturazioni-aziendali/) è senza dubbio uno strumento fondamentale per tutte quelle aziende che, per diversi motivi, attraversano periodi di crisi. Il risanamento aziendale viene applicato non solo alle piccole aziende a conduzione familiare ma anche a grandi colossi. Entrambe le tipologie di aziende, dopo un piano di ristrutturazione aziendale, hanno visto crescere il proprio business, generando profitti davvero considerevoli.

Che cosa significa ristrutturazione aziendale e da chi viene attuata

Le ristrutturazioni aziendali sono dei processi di riorganizzazione che vedono coinvolte tutte quelle imprese che hanno dovuto affrontare problematiche di tipo economico od organizzative. Il fine ultimo di questi processi è risanare la situazione, mantenendo fede agli obblighi e impegni presi con eventuali creditori.
Per avviare una ristrutturazione aziendale è necessario redigere il cosiddetto piano di ristrutturazione aziendale. Si tratta di un documento molto importante che, per essere efficace, deve tenere conto di diversi elementi.

Come viene redatto un piano di ristrutturazione aziendale

L’azienda soggetta a crisi, per avviare la ristrutturazione societaria, si deve avvalere dell’aiuto di una società di consulenze, la quale in primo luogo si occuperà di studiare l’azienda, tenendo conto di quanto reddito genera e delle nuove tendenze di mercato relative al settore in cui opera. Successivamente verranno individuati i fattori che hanno portato l’azienda in crisi e rimossi tutti quei settori che risultano essere meno produttivi o che nel peggiore dei casi provocano danni all’azienda stessa.

Una volta delineati i fattori che di fatto impediscono all’azienda di crescere e fatturare, l’azienda sarà ridisegnata e i rami più produttivi salvati. Da qui si può avviare il processo di risanamento aziendale.

Come avviare un processo di risanamento aziendale vincente

Le ristrutturazioni aziendali sono frutto di un percorso lungo e difficile che per riuscire nel loro intento devono tenere conto del motore che muove un’azienda, ossia il business.
Talvolta molte società di consulenze che vengono chiamate dalle aziende che intendono effettuare una ristrutturazione societaria trascurano involontariamente i processi che generano i ricavi aziendali. Questo aspetto, in realtà, è strettamente correlato alle ristrutturazioni aziendali e ai rami produttivi dell’azienda stessa. Per migliorare il processo di vendita, è necessario un piano strategico che individui la modalità attraverso cui attrarre nuova clientela, come non perdere la ‘vecchia’ clientela e come battere la concorrenza – studiandone i punti deboli -.

Cosa dovrà fare un’azienda? Se essa produceva un determinato prodotto e questo non era richiesto sul mercato, ridursi a tagliare i costi continuando a produrre qualcosa che non viene richiesto è senza dubbio controproducente. L’obiettivo principale di un’azienda che intende avviare una ristrutturazione societaria deve essere di generare vendite che procurino un discreto margine di guadagno.

Questo significa che concentrarsi esclusivamente sull’abbattimento dei prezzi comporterà inevitabilmente uno squilibrio aziendale, con tutto ciò che ne consegue. È invece necessario intervenire a 360°, tenendo conto principalmente delle richieste di mercato e dell’offerta già presente. Chiaramente una volta individuata la strategia da attuare per uscire dalla crisi che colpito l’azienda, è fondamentale monitorare in maniera assidua il processo di risanamento ed eventualmente andare a sanare eventuali situazioni che, nel lungo periodo, potrebbero causare una nuova crisi.

Giulia Rossi

Torna in alto