Home » Oggetti di seconda mano realizzati in oro: cosa fare?

Oggetti di seconda mano realizzati in oro: cosa fare?

Se non sei un esperto del settore e cerchi un compro oro serio e affidabile dovrai muoverti con prudenza e informati su alcuni aspetti, oltre che sulle quotazioni. Diversamente potrei fare cattivi affari e registrare anche delle perdite importanti.

Oggi l’oro viene considerato un bene di rifugio che può portare interessanti guadagni nel breve e lungo periodo, ma i negozi si compro oro usato non sono tutti uguali e infatti applicano condizioni differenti. Alcuni, inoltre, non si attengono alle quotazioni ufficiali. Ecco, quindi, cosa dovresti fare per evitare spiacevoli inconvenienti.

Vuoi vendere oggetti in oro?

Probabilmente ti sarai accorto di avere in casa diversi accessori in oro, come bracciali, anelli, collane e orecchini, che magari non indossi più per svariate ragioni. Alcune volte si tratta di articoli con design lontano dal tuo gusto, altre di regali di cui vuoi liberati o semplici articoli rotti. In tutti questi casi puoi recarti presso un negozio compro oro per concludere una vendita con interessanti risvolti. Quando infatti le quotazioni di questo metallo prezioso sono alte riuscirai a ricavare anche elevate somme in euro.

Il pagamento, entro determinati limiti fissati dalla legge in vigore, avviene in contati. In ogni caso un negozio che opera in maniera trasparente si occuperà in tua presenza di verificare la caratura degli oggetti e successivamente si passerà alla fase della pesatura, usando bilance di precisione e omologate. Una volta stabilito il peso in grammi potrai ricevere la valutazione, quindi il prevenivo. Se accetti le condizioni, la vendita verrà conclusa, gli accessori diventeranno di proprietà del compro oro e tu riceverai l’importo concordato, oltre alla ricevuta che attesta l’avvenuta operazione.

I gioielli che in genere porti dal compro oro usato sono marchiati 750, che sarebbe il materiale che meglio si presta per essere lavorato, in quanto composto per i 25% da parti metalliche. Questo non vuol dire, quindi, che l’oggetto è scadente, ma semplicemente che verrà quotato nel rispetto di precise regole. Nello specifico si considera la quotazione ufficiale aggiornata, alla quale verrà sottratto il 25%. Per cui dovrai diffidare da tutti quei centri e negozi che promettono di pagare l’oro 750 a prezzi elevati e lontani da quelle che sono le reali condizioni di mercato. Nella maggior parte dei casi chi propone offerte di questo tipo non ti paga in contanti ma è disponibile solo alla permuta.

Vendere l’oro che non usi conviene?

Se da tempo ti interroghi sulla convenienza delle condizioni applicate dai negozi compro oro, sappi che non è possibile dare una risposta che vale in maniera indistinta. Molte attività commerciali non operano in maniera trasparente e, come spiegato, offrono quotazione accettabili solo in caso di permuta. Qundi, ad esempio, dovrai scambiare i tuoi orecchini con una collana o altro accessorio con peso pari o superiore, aggiungendo la differenza di tasca tua.

Se invece vuoi semplicemente vendere e guadagnare qualcosa il consiglio è quello di concentrare la scelta su un negozio specializzato in oro usato che assicura quotazioni in tempo reale e senza sorprese. Verrai seguito durante tutte le fasi della vendita e potrai richiedere ogni informazione utile, in modo da ricevere un preventivo gratis e senza alcun tipo di impegno.

Considerazioni finali

Vendere l’oro che hai accumulato nel tempo e non ti serve si rivela una buona idea per racimolare somme in denaro che potrai spendere per altri progetti o investire in altri metalli preziosi. Puoi massimizzare il guadagno non solo aspettando il momento giusto, cioè quando le quotazioni dell’oro sono alle stelle, ma soprattutto affidandoti a veri professionisti del settore che operano sul campo con grande serietà.

Giulia Rossi

Torna in alto